Conferenza su “La regolazione delle intersezioni stradali in ambito urbano: tecniche di analisi e di progetto”

Il 10 Luglio 2015, alle ore 9,00, presso la sede operativa del Centralabs nei laboratori di Ingegneria della Cittadella Universitaria di Monserrato si terrà la Conferenza Nazionale “La regolazione delle intersezioni stradali in ambito urbano: tecniche di analisi e di progetto”, organizzata dalla sezione sarda dell’A.I.I.T. – Associazione Italiana per l’Ingegneria del Traffico e dei Trasporti, in collaborazione con il Centralabs, l’Università degli Studi di Cagliari e l’Ordine degli Ingegneri di Cagliari.

Scarica la locandina

Sintesi dei lavori su giornata di studio “Mobilità urbana e Metropolitana leggera a Cagliari” organizzata dalla Sezione Sardegna dell’AIIT

Riceviamo e pubblichiamo da Marco Naseddu, segretario della sezione sarda della AIIT,  una sintesi del convegno su “Mobilità urbana e Metropolitana leggera a Cagliari” tenutosi a Cagliari lo scorso 10 aprile.

 

Mobilità urbana e Metropolitana leggera a Cagliari” è il titolo dell’incontro che si è svolto lo scorso 10 aprile presso la Sala Conferenze dei Laboratori di Ingegneria della Cittadella Universitaria di Monserrato (Cagliari), organizzato dalla Sezione Sardegna dell’Associazione Italiana per l’Ingegneria del Traffico e dei Trasporti (AIIT), per illustrare i recenti sviluppi della linea di metropolitana di superficie che si estende per 12,6 km da Cagliari verso i centri urbani della sua area vasta.

La giornata di studio, apertasi con i saluti dell’ing. Gaetano Nastasi, Presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Cagliari, dell’ing. Giovanni Mantovani, Presidente Nazionale dell’AIIT, e del Sindaco della città di Monserrato, Sig. Giovanni Argiolas, è stata moderata dall’ ing. Giorgio Asunis, socio ordinario dell’AIIT Sardegna ed esperto di sistemi tranviari. Il prof. Paolo Fadda, docente di Progettazione dei Sistemi di Trasporto presso la Facoltà di Ingegneria di Cagliari e Presidente della Sezione Sardegna, ha introdotto i lavori evidenziando l’importanza di un continuo confronto sul tema della mobilità in ambito urbano e suburbano, con particolare attenzione allo sviluppo di sistemi di trasporto capaci di costituire una efficace e valida alternativa modale all’utilizzo predominante dell’auto nell’area metropolitana di Cagliari.

I tecnici dell’Azienda Regionale Sarda Trasporti (ARST S.p.a.), di fronte ad un’ampia platea costituita da professionisti, amministratori pubblici e da un nutrito gruppo di studenti che frequentano i corsi di ingegneria dei trasporti presso l’Università cagliaritana, hanno illustrato le principali caratteristiche tecniche dell’innovativo sistema tram-treno di tipo 2 (TT2), in termini di infrastrutture e di tecnologie impiegate, attraverso tre differenti relazioni corredate da numerose foto e dagli schemi delle linee esistenti e di quelle in fase di progettazione.

L’ing. Ettore Porceddu, Vice Direttore Centrale dell’ARST S.p.a., ha ricordato come è nato e si è sviluppato nel corso degli ultimi vent’anni il progetto della metropolitana leggera di Cagliari, attraverso la riqualificazione della tratta ferroviaria a scartamento ridotto (950 mm) delle ex Ferrovie della Sardegna, che si estende in ambito urbano tra i comuni di Cagliari e di Monserrato, al fine di consentire spostamenti rapidi, ad alta frequenza e a basso impatto ambientale mediante il nuovo sistema a guida vincolata, la cui prima tratta denominata Piazza Repubblica – San Gottardo di 6,5 km è entrata in servizio nel 2008.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto 1 – Schema delle 3 linee che costituiscono la rete di metropolitana leggera di Cagliari

Le fasi di costruzione dell’infrastruttura ferroviaria, con particolare riferimento al secondo lotto San Gottardo – Policlinico di 1,8 km interamente realizzato su viadotto e inaugurato lo scorso 14 febbraio, sono state presentate dall’ing. Ernesto Porcu. Il dirigente del Servizio tecnico dell’ARST S.p.a. si è soffermato su alcuni elementi che hanno contraddistinto il lavoro svolto in questi anni, mediante una minuziosa ricostruzione delle principali fasi di realizzazione dei viadotti tranviari (inserimento ambientale, complessità costruttive, interazione struttura – binario) e dell’armamento (utilizzo rotaie Vignole per l’accoppiamento ruota – rotaia, consumi in curva, dispositivi anti usura).

 

Foto 2 – La fermata “Policlinico” della linea  San Gottardo – Policlinico                                               

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto 3 – Tram in linea

 

Nel terzo intervento, l’ing. Felice Mulas del Servizio tecnico dell’ARST S.p.a. ha spiegato le principali caratteristiche di progetto e operative della linea tram – treno (TT2) San Gottardo – Settimo S. Pietro di 4,3 km, appena conclusa e pronta per l’entrata in servizio. Il sistema comprende un’infrastruttura ferroviaria esercita in differenti fasce temporali con veicoli ferroviari e con veicoli tram-treno, di cui il tecnico, dopo alcuni cenni introduttivi sulla tipologia di sistemi esistenti e sulle linee guida utilizzate per la loro classificazione, ha presentato gli schemi per la circolazione ferroviaria e tranviaria, il sistema di segnalamento (schema a blocchi con regolazione mediante impianto ACEI per la componente ferroviaria e un sistema automatico per la gestione della parte tranviaria), le modalità di interfacciamento con l’operatore (rotte gestite dal Posto Periferico Controllore Locale – PPCL), la frequenza dei servizi e i tempi di percorrenza delle 3 linee.

Foto 4 – Lo schema tram – treno (TT2) della linea San Gottardo – Settimo San Pietro

Il prof. Italo Meloni, docente di Pianificazione dei Trasporti presso la Facoltà di Cagliari, ha proseguito presentando i progetti “Casteddu Mobility Stiles” (CMS), conclusosi di recente, e “Cittadella Mobility Stiles”, attualmente in corso, attraverso i quali è stata sviluppata una specifica azione di informazione, comunicazione e sensibilizzazione dei cittadini per promuovere il cambiamento volontario del comportamento di viaggio attraverso l’utilizzo della metro. Dopo una breve introduzione sulle strategie comportamentali (hard e soft) che si possono attuare per la riduzione delle esternalità negative prodotte dalle auto private e per far cambiare volontariamente
i comportamenti di viaggio agli automobilisti, ha illustrato gli obiettivi, il contesto di riferimento, i target di utilizzatori, la procedura di indagine e di analisi adottata e i risultati ottenuti con il programma CMS.

L’ultimo intervento dell’incontro, a cura del prof. Gianfranco Fancello, docente del corso di Valutazione dei Progetti di Trasporto presso la Facoltà di Cagliari, ha riguardato un altro importante aspetto legato all’ampliamento delle linee della metropolitana di Cagliari: la valutazione economico-finanziaria del tratto Piazza Repubblica – Piazza Matteotti, attualmente in fase conclusiva di progettazione. Dopo una prima parte della relazione dedicata alle differenti tecniche di valutazione e alle modalità di costruzione delle funzioni di costo generalizzato di trasporto, sono stati proposti i risultati dell’analisi condotta sul caso studio attraverso la valutazione di 18 differenti alternative progettuali, distinte in funzione della domanda di mobilità, della frequenza del servizio e del sistema di tariffazione introdotto.

Dott. Ing. Marco Naseddu

Segretario AIIT Sezione Sardegna